Juventus
    Juventus
      02.11.2018 13:00 - in: Serie A S

      Allegri: «Vogliamo tornare a vincere in casa»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Le parole del mister in conferenza stampa prima della partita contro il Cagliari

      Dopo la vittoriosa trasferta di Empoli, la Juventus domani torna a giocare tra le mura amiche contro il Cagliari. E oggi, all’Allianz Stadium, Massimiliano Allegri ha presentato la sfida in conferenza stampa. «Per la gara di domani chiedo ai ragazzi di vincere la partita. Non sarà semplice. Le partite vanno vinte sul campo, non possiamo permetterci di lasciare punti per strada. Il Cagliari è la squadra che in Italia corre più di tutti ed è molto veloce. Sono forti sulle palle aeree perché hanno Pavoletti. Noi vogliamo tornare a vincere in campionato nel nostro stadio, poi penseremo alla coppa».

      LA FORMAZIONE ANTI CAGLIARI

      «In porta gioca Szczesny. In difesa rientra Cancelo a destra, mentre devo ancora scegliere l’altro centrale insieme a Bonucci. A sinistra gioca uno tra Alex Sandro e De Sciglio. A centrocampo sicuri Pjanic e Matuidi, per il terzo devo ancora decidere uno tra Bentancur, Khedira e Cuadrado. In attacco gioca Ronaldo, gli altri non ho ancora scelto. Mandzukic sta meglio, anche Douglas Costa sta tornando in buona condizione. Sono out Chiellini e Bernardeschi. Spinazzola giocherà un paio di partite con la Primavera». Il mister ha le idee chiare su cosa migliorare, proprio a partire da domani. «Fare gol su palla inattiva. Nella scorsa stagione ne abbiamo fatti molti di più, mentre in questo momento è il nostro deficit. Inoltre, rispetto alla passata annata creiamo di più ma abbiamo una percentuale realizzata inferiore, e anche su questo dobbiamo fare dei progressi».

      LA LOTTA SCUDETTO E LA CHAMPIONS LEAGUE

      «Noi stiamo andando forte, ma anche quelli dietro di noi. L’Inter sta facendo un grande campionato, il Napoli ha perso lo scontro diretto e questo sta facendo la differenza tra noi e loro. Dobbiamo pensare ad una gara alla volta. Dobbiamo avere grande rispetto per l’avversario nell’arco di tutta la partita». Poi il discorso si sposta sull'Europa. «Stiamo lavorando per raggiungere l’obiettivo che in questi anni non siamo riusciti a raggiungere, la Champions League, ma non è un’ossessione. Sono fortunato ad allenare la Juventus, è una delle società più importanti d’Europa, una formazione che può ambire a vincerla. Quest’anno la candidata numero uno è il Barcellona. Noi siamo tra le prime quattro».

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK