Juventus
    Juventus
      12.04.2018 12:48 - in: Champions League S

      Game Review: la sfida del Bernabéu

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      L'analisi tattica dei principali episodi nel match di ieri sera a Madrid

      Serviva la partita perfetta per potere sperare di ribaltare il risultato dell'andata, e partita perfetta è stata. L'amaro in bocca per l'esito finale quindi è ancora più forte: un epilogo, quello del rigore assegnato dall'arbitro allo scadere dei tre minuti di recupero, che impedisce alla Juventus di completare un'impresa storica.

      PRONTI... VIA!

      Così come nella gara d'andata la Juventus cercando di pressare alta nei primi istanti del match è stata subito punita dalla rete di Ronaldo, così al Bernabeu di fronte al pressing alto del Real la Juventus ha avuto l'abilità di colpire al primo affondo. Modric pressa su Matuidi a inizio azione. Giro palla e nella metacampo del Real altro contrasto tra Casemiro e Douglas Costa.

      Il brasiliano della Juventus vince il tackle e la difesa dei padroni di casa è subito in difficoltà. Cinque bianconeri contro tre blancos e azione costruita perfettamente. Matuidi taglia in mezzo portando via Carvajal dalla marcatura di Mandzukic. Sulla destra viene servito Khedira che con grande classe in corsa mette sulla testa del croato, nel frattempo completamente libero, il pallone del vantaggio.

      IL MOMENTO DEL RADDOPPIO

      L'azione del raddoppio parte dalla metà campo della Juventus e si sviluppa con grande linearità. Ottimi i movimenti senza palla e l'abilità nello smarcarsi dei bianconeri. Nove giocatori partecipano all'azione: da Chiellini a Pjanic che serve Alex Sandro. Il brasiliano porta palla per qualche metro e poi serve Matuidi. Il francese premia immediatamente il movimento in avanti di Khedira che nel frattempo si è smarcato nel cerchio di centrocampo e può portare palla fino alla trequarti avversaria resistendo sul recupero del connazionale Kroos.

      A ridosso dell'area del Real altri movimenti senza e con la palla permettono di smarcare un giocatore. Higuain si posiziona sulla trequarti, Matuidi si butta in area di rigore, Khedira è tra le linee e il veloce giro palla fra Douglas Costa, Higuain e Khedira trova Lichtsteiner libero sulla destra. Lo svizzero calcia un preciso cross sul secondo palo dove, grazie alla presenza di Matuidi, Carvajal si trova ancora una volta in situazione di due contro uno. Mandzukic, come in precedenza è freddo e preciso.

      LA TERZA RETE

      Anche il terzo gol parte da un'azione costruita dalla propria metà campo coinvolgendo Matuidi che poi andrà a chiuderla settanta metri circa più avanti. Il francese serve Alex Sandro sulla trequarti del Real e poi segue l'azione andando a coprire sulla sinistra proprio lo spazio di competenza del barsiliano che si accentra con la palla.

      Dopo che il terzino serve Pjanic e si riposiziona sull'out sinistro, l'azione si sviluppa sulla destra e Matuidi può così liberarsi dai suoi compiti di copertura e catapultarsi in area di rigore. Sul cross di Douglas Costa in area del Real si crea una situazione di parità numerica (3 vs 3). Navas pressato da Matuidi sbaglia la presa. Il francese non perdona.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK