Juventus
    Juventus
      19.05.2018 17:00 - in: Match Report S

      GRAZIE RAGAZZI! GRAZIE CAPITANO!

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      La Juve chiude con una vittoria sul Verona l'ennesima stagione trionfale. E lo Stadium applaude per l'ultima volta l'immenso Gigi Buffon

      È quello che ha cantato lo Stadium alla squadra, è quello che gridano i tifosi bianconeri da ogni parte del mondo, applaudendo i Campioni d'Italia e il loro immenso anzi, #UN1CO, capitano, che lascia la Juve, esattamente come l'aveva trovata, nella stagione 2001/2002: in trionfo.

      La partita con il Verona è solo il contorno di un pomeriggio in cui la festa per il settimo scudetto consecutivo si mischia alle lacrime di pura commozione per il saluto a Gianluigi Buffon. Un abbraccio lunghissimo, che inizia già durante il riscaldamento e tocca il suo apice nel secondo tempo, quando al 18' della ripresa, il più grande portiere di tutti i tempi lascia il campo a Pinsoglio, e inizia una standing ovation da brividi.

      L'ULTIMA PARATA DEL CAPITANO

      Prima, per regalare una degna chiusura al capitano, la Juve onora la partita giocando un calcio piacevole, anche se, comprensibilmente, molte giocate sono più un esercizio stilistico che reali tentativi di sbloccare il risultato. Così, il Verona, che pur è ormai retrocesso, prova a regalare una soddisfazione ai propri tifosi, approfittando del clima vacanziero della partita, e a colpire con Fares, bravo a liberarsi di Rugani e a cercare il destro a giro. Buffon però non può e non vuole chiudere la sua avventura in bianconero subendo gol e risponde da campione.

      FIOCCANO OCCASIONI

      Fiutato il pericolo la Juve alza il baricentro, tiene lontani gli avversari dalla propria area e arriva al tiro con Lichtsteiner, anche lui applauditissimo alla sua ultima allo Stadium dopo sette anni di trionfi, e con Mandzukic, che incorna troppo centralmente la pennellata di Douglas Costa. La pressione aumenta e Dybala spara due fiondate dal limite, una tra le mani di Nicolas, l'altra fuori di un soffio. Il portiere veronese salva anche sul diagonale di Douglas Costa, la girata volante di Mandzukic e il rasoterra di Pjanic, mentre al 40' è la traversa a respingere il delizioso pallonetto di Dybala. In quest'ultima occasione, Sturaro, nel tentativo di ribattere a rete si scontra con un avversario e pochi minuti dopo lascia il posto a Bentancur.

      RUGANI-PIANIC IN TRE MINUTI

      Le occasioni create nel primo tempo trovano il giusto premio in avvio di ripresa:  al 4' Douglas Costa lascia partire un rasoterra dal limite che Nicolas riesce solo a respingere sui piedi di Rugani, e a quel punto, con la porta sguarnita, il pallone è solo da spingere in rete. Al 7' poi, dopo un fallo di Fares su Dybala, Pjanic può sistemare il pallone sulla sua mattonella preferita e, da quella posizione, a venti metri dalla porta, il suo destro è una sentenza.

      GRAZIE DI TUTTO CAPITANO

      Poi arriva il momento che tutti aspettavano: tutta la panchina bianconera si alza in piedi e aspetta a bordo campo, il pubblico si alza in piedi e inizia ad applaudire, mentre i compagni lo abbracciano uno ad uno. Si alza il coro “Numero uno, c'è solo un numero uno” e si alza anche la lavagnetta del quarto uomo. Entra Carlo Pinsoglio, al suo esordio in serie A. Esce il più grande di sempre. Sono le 16:21 del 19 maggio 2018. È  il 18' minuto del secondo tempo. Finisce un'epopea straordinaria. Finisce l'era di Gianluigi Buffon. È commosso fino alle lacrime Gigi, troppo commosso per rispondere all'invito della curva che lo vorrebbe ancora abbracciare, e poi, dopo tutto, ha ancora un compito da assolvere. La partita intanto va avanti sotto una pioggia torrenziale e il Verona accorcia le distanze con Cerci, mentre la Juve sbaglia un rigore con Lichtsteiner che non riesce a bagnare il suo addio con un gol, ma che esce ad un minuto dalla fine per prendersi una strameritata standig ovation. E ora c'è un altro momento che tutti aspettano. C'è la festa scudetto, c'è la coppa da prendere, la settima consecutiva. Vai capitano, alzala. Ancora una volta. Ancora un'ultima, magnifica volta.

      JUVENTUS-VERONA 2-1

      RETI:
       Rugani4' st ,Pjanic 7' st, Cerci 31' st

      JUVENTUS

      Buffon (18' st Pinsoglio); Lichtsteiner, Barzagli, Rugani, Alex Sandro; Marchisio, Pjanic, Sturaro (44' pt Bentancur); Douglas Costa (21' st Higuain), Mandzukic, Dybala
      A disposizione: Szczesny, De Sciglio, Benatia, Howedes, Chiellini, Asamoah, Matuidi, Khedira, Cuadrado
      Allenatore: Allegri

      VERONA
      Nicolas; Romulo, Caracciolo (1' st Bearzotti), Ferrari, Souprayen; Aarons (17' st Zuculini), Fossati, Danzi; Fares, Cerci, Matos
      A disposizione: Silvestri, Coppola, Verde, Petkovic, Felicioli
      Allenatore: Pecchia

      ARBITRO: Pinzani
      ASSISTENTI: Citro, Colella
      QUARTO UFFICIALE: Di Paolo
      ARBITRI D'AREA: Nasca, Liberti

      AMMONITI: 6' st Fares, 13' st Fossati

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK