Juventus
    Juventus
      28.04.2018 23:09 - in: Match Report S

      JUVE DA IMPAZZIRE!!!

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Vittoria incredibile a San Siro. Bianconeri in vantaggio, ripresi, superati e capaci nel finale di ribaltare il risultato in tre minuti

      Non date mai nulla per scontato con la Juve. Se eravate già proti a darla per finita, a dare per deciso il campionato, bene, avrete imparato cosa vuol dire quel motto, “fino alla fine”, che negli ultimi tempi si era rivoltato un po' contro, ma che questa sera è tornato, con prepotenza, solo ed esclusivamente bianconero. La Juve rimane in vetta al campionato e anzi, allunga momentaneamente a quattro punti il distacco dal Napoli, superano l'Inter a San Siro al termine di una gara folle, che Douglas Costa e l'espulsione di Vecino sembrano mettere subito in mano alla Signora nel primo tempo, ma che invece si ribalta completamente e aspetta il finale per regalare una grandinata di emozioni.

      IL LAMPO DI COSTA

      Ma partiamo con ordine. Dalla vigilia per la precisione: Allegri conclude la conferenza annunciando  “giocheremo solo con due centrali, senza terzini,”. Tutti pensano a un battuta e in effetti il tecnico si alza sorridendo.Quando si legge la formazione però, con Cuadrado e Alex Sandro sulle fasce, qualche dubbio che facesse sul serio viene. E quando si vede l'atteggiamento con cui i bianconeri iniziano la gara, i dubbi svaniscono. Non è un caso che partano proprio dal piede di Cuadrado prima un traversone per la testa di Mandzukic, la cui sponda non trova pronto Matuidi alla girata, poi l'assist per Douglas Costa, che controlla e incrocia il sinistro, fulminando Handanovic.

      INTER IN DIECI

      Non c'è neanche il tempo di guardare il punteggio sul tabellone che Vecino, appena riparte il gioco, entra con il piede  martello sulla caviglia di Mandzukic e, dopo l'intervento del Var, rimedia il rosso, lasciando i compagni in dieci. L'Inter ci mette l'anima e impegna Buffon con il destro di Candreva da trenta metri, e anche se la manovra dei bianconeri sembra fluida, manca sempre un po' di precisione negli ultimi venti metri. Il raddoppio arriverebbe nel recupero del primo tempo con Matuidi, ma il gol viene annullato dopo un altro intervento del Var, per posizione irregolare del francese. Cosìi va al riposo con il distacco minimo, ma anche con la sensazione che la gara sia in bilico.

      UNO-DUE DELL'INTER

      E infatti, in avvio di ripresa, l'Inter pareggia: il calcio di punizione di Cancelo dalla tre quarti trova Icardi in area e l'argentino gira di testa nell'angolo più lontano, infilando il pareggio. La Juve sembra scossa e Rafinha impegna ancora Buffon con un destro dal limite. Allegri interviene al quarto d'ora, cambiando Khedira con Dybala e passando al 4-2-3-1. I bianconeri hanno subito un'occasione d'oro con Higuain che, lanciato da Alex Sandro, arriva in area e supera Handanovic, ma calcia a lato. Nonostante la superiorità numerica però i bianconeri fanno fatica a contenere l'Inter e lasciano troppo a lungo l'iniziativa agli avversari, che al 20', ne approfittano: Perisic se ne va sulla destra, saltando Cuadrado e crossa rasoterra nell'area piccola. Non ci sono nerazzurri pronti a intervenire, ma Barzagli, che vedo all'ultimo il pallone, non riesce a frenare la corsa e tocca nella propria porta.

      UN FINALE DA JUVE

      Fuori Mandzukic e dentro Bernardeschi, questa la risposta di Allegri, e la reazione della Juve  è rabbiosa: Douglas Costa arriva al tiro, trovando Handanovic pronto sul primo palo, poi è Dybala a costringere il portiere nerazzurro al volo, per togliere la sua punizione dall'incrocio. L'ultimo cambio è Bentancur per Pjanic, ma c'è poca lucidità nelle azioni dei bianconeri, che troppe volte sbagliano negli ultimi metri, o per un eccesso foga, o perché aspettano troppo a concludere. In questi casi però, più della lucidità, servono gli attributi. Serve  il coraggio di crederci, di non mollare, di arrivare su ogni pallone, anche se sembra inutile. E quello su cui si fionda Cuadrado a tre minuti dal 90', non sembra possa servire a molto. E invece il colombiano, da una posizione impossibile infila, alle spalle di Handanovic. Forse c'è una deviazione di Skriniar, ma queste sono sottigliezze che non contano. Quello che conta è quanto accade  tre minuti dopo. Conta solo quel traversone di Dybala e quel colpo di testa di Higuain. Conta solo il gol del 3-2. Conta solo non mollare mai.

      INTER-JUVENTUS 2-3

      RETI: Douglas Costa 13' pt, Icardi 7' st, Barzagli aut. 20' st, Cuadrado 42' st, Higuain 45'

      INTER
      Handanovic; Cancelo, Skriniar, Miranda, D'Ambrosio (49' Karamoh); Vecino, Brozovic; Candreva, Rafinha (35' st Boja Valero), Perisic; Icardi (39' st Santon)
      A disposizione: Padelli, Berni, Dalbert, Ranocchia, Lisandro Lopez, Eder, Pinamonti
      Allenatore: Spalletti

      JUVENTUS
      Buffon; Cuadrado, Barzagli, Rugani, Alex Sandro; Khedira (16' st Dybala), Pjanic (35' st Bentancur), Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Mandzukic (21' st Bernardeschi)
      A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Lichtsteiner, Howedes, Benatia, Chiellini, Asamoah, Marchisio
      Allenatore: Allegri

      ARBITRO: Orsato
      ASSISTENTI: Di Fiore, Manganelli
      QUARTO UFFICIALE: Tagliavento
      VAR: Valeri. Giallatini

      AMMONITI: 5' pt Cuadrado, 21' pt Pjanic, 45' pt Barzagli, 7' st Mandzukic, 13' st D'Ambrosio, 32' st Alex Sandro, 43' st Brozovic
      ESPULSI: 18' pt Vecino

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK