Juventus
    Juventus
      18.01.2018 16:30 - in: Serie A S

      La ripresa, secondo Federico

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Così Bernardeschi: «Stiamo lavorando bene in questi giorni per riattaccare la sfida ed essere pronti. La Juve? La scelta migliore, la mentalità che c’è qui è unica»

      Il prossimo impegno di campionato, il ritorno alla concentrazione in campo dopo la sosta, ma anche cosa significa essere un giocatore della Juventus e gli obiettivi personali: c’è tutto Federico Bernardeschi nelle interviste, rilasciate oggi. 

      ATTENZIONE ALLA RIPRESA

      «Quando si ricomincia bisogna essere sempre al massimo dell’attenzione. Si è staccato la spina, adesso bisogna riattaccarla, ma abbiamo lavorato tanto e bene, in modo intenso, in questi tre giorni, per recuperare subito la forma, quindi saremo pronti».

      LA CORSA SCUDETTO

      «La sfida è equilibrata, meno errori si fanno e più si è vicini alla vittoria. Non vogliamo sbagliare, a partire da lunedì. Il calcio è strano, potrebbero rientrare in corsa anche altre squadre, ma al momento le favorite sembrano essere Juventus e Napoli»

      JUVE SIGNIFICA MENTALITA’

      «La prima cosa che mi ha colpito alla Juventus è la mentalità, che pervade tutti gli aspetti del club, e che capisci a pieno solo da dentro: è un qualcosa che ti dà una grande spinta»

      FEDE E LA MAGLIA BIANCONERA

      «Non ho mai avuto dubbi, fin dal primo giorno delle visite al JMedical. Sto sempre meglio ogni giorno che passa, mi sento sempre più parte di questo gruppo e ne sono davvero molto felice. Quando seppi che la Juventus mi cercava non ci pensai un attimo, perché reputavo che per la mia crescita e il mio percorso, quella fosse la scelta migliore. Personalmente, so di essere sulla strada giusta, ho voglia di imparare e di mettermi a disposizione; in campo, Allegri mi chiede di fare le cose più semplici possibili. Non ho obiettivi numerici, ma da qui a fine stagione voglio farmi apprezzare sempre di più»

      Quanto al ruolo in campo: «Mi sento un trequartista nel senso moderno del termine, ma più ruoli sai interpretare meglio è: nel calcio di oggi è il giocatore che deve adattarsi alla squadra, e non viceversa»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK