Juventus
    Juventus
      02.11.2018 10:00 - in: Serie A S

      Juve-Cagliari: 5 nomi, 5 momenti

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Una sfida lunga decenni, in alcuni momenti da ricordare

      Juventus-Cagliari va in scena dal 1966-67. Spesso ha ospitato feste scudetto in tempi recenti e – nel caso del tricolore vinto dai sardi nel 1970 – ha rappresentato lo snodo fondamentale del campionato. Ecco alcuni dei protagonisti che hanno lasciato un segno nella storia della sfida

      Massimiliano Allegri

      Ultima giornata del campionato 1994-95. La Juve fresca di scudetto - conquistato già matematicamente due settimane prima - vince 3-1 e amplifica ancor più l'entusiasmo.  Il punto degli ospiti è siglato da un numero 10 talentuoso che certo quel giorno non sospettava minimamente che avrebbe allenato entrambi i club e con un certo successo... 

      Pietro Anastasi

      Anastasi batte Cagliari 2-1: è il titolo che Hurrà Juventus propone per incoronare il mattatore della gara del 1970-71. Due i dettagli non trascurabili per capire bene il senso della doppietta di Pietro. Il primo è che i sardi si presentano a Torino con lo scudetto sul petto ed è forte il desiderio di rivincita dei buanconeri. Il secondo è che Anastasi firma una rete con una mezza rovesciata al volo che induce Ezio De Cesari sul Corriere dello Sport ad augurarsi “che la televisione abbia la possibilità di far vedere e rivedere il primo gol del “picciotto” al rallentatore, perché gol simili se ne vedono pochi in tutto il campionato” 

      Stephen Appiah

      Come salutare Torino con una rete capolavoro. Quella che realizza Stephen Appiah alla sua ultima apparizione in bianconero in Juventus-Cagliari del 2005 fa pensare a una storia che poteva essere e non è stata. Perché gol così indicano un talento reale, purtroppo non espresso compiutamente: doppiopasso, inserimento in mezzo a due avversari e palla nell'angolo alto. Da applausi

      Daniele Rugani

      Il primo gol non si scorda mai. Una regola che vale per tutti e a maggior ragione per un difensore. Rugani si fa trovare pronto all'appuntamento nello Juventus-Cagliari di due anni fa: punizione di Pjanic, tiro al volo di Higuain e Daniele veloce a corregere in rete la respinta. In porta un ex bianconero: Marco Storari

      Gianfranco Zola

      Nella Juventus non ha mai giocato, ma al Delle Alpi, nel giorno della celebrazione dello scudetto numero 28, si ritaglia la soddisfazione di un applauso a scena aperta.  Proprio a Torino segna gli ultimi 2 gol della sua carriera, che ha vissuto l'ultima sezione nel Cagliari, dopo meraviglie regalate a Napoli, Parma e soprattutto a Londra, dove i tifosi  del Chelsea lo hanno idolatrato come Magic Box

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK