Juventus
    26.08.2018 07:09 - in: Serie A S

    Juve-Lazio, Game Review

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    L'analisi tattica della vittoria contro i biancocelesti

    Era una gara delicata quella contro la Lazio dati i risultati che la squadra di Simone Inzaghi era riuscita ad ottenere nella scorsa stagione contro la Juventus: i bianconeri, pur con qualche difficoltà patita nel primo tempo, sono riusciti ad ottenere i tre punti tenendo inviolata la propria porta.

    Andiamo a rivedere le azioni che hanno portato ai due gol (per altre situazioni di gioco vi rinviamo al Game Review su Juventus TV).

    LA PERLA DI MIRALEM

    Al 29esimo del primo tempo la Juventus cerca di uscire palla al piede dalla propria metacampo cercando di saltare il pressing laziale: Pjanic gioca di prima per Khedira che è libero nella trequarti bianconera. L'azione si sviluppa in velocità con il tedesco che serve CR7 che viene incontro alla palla. La Lazio è subito in difficoltà e lascia liberi diversi bianconeri. In difesa rimangono solo in 4 e Lulic esterno di sinistra non riesce a scendere subito per comporre la linea a 5. La difesa della Lazio retrocede a palla scoperta e con facilità la Juventus arriva a ridosso dell'area laziale con Bernardeschi. Il bianconero non centra subito e la difesa avvversaria riesce a ripiegare, ma con affanno schiacciandosi in area con ben 7 giocatori, lasciando libero poco fuori dall'area Pjanic. Il bosniaco raccoglie la corta respinta di Wallace e conclude in maniera perfetta.

    LA ZAMPATA DI MARIO

    A 15 minuti dal termine la rete che chiude la partita. La Juventus sta gestendo il vantaggio palleggiando all'altezza della linea di metacampo. Viene servito Chiellini che accentrandosi palla al piede dà avvio allo strappo dei bianocneri. Sposta l'azione sulla destra dove Douglas Costa e Cancelo sono distanti tra loro, ma appena servito il portoghese all'azione viene impressa una straordinaria accelerazione. Douglas Costa va incontro alla palla, Cancelo lo serve e si butta immediatamente in avanti. Prima di essere di nuovo servito, è importante sottolineare il movimento di Khedira che con la sua proverbiale intelligenza tattica si sposta verso il centro portandosi dietro di sé un avversario e aprendo proprio lo spazio per l'inserimento del portoghese. Quando Cancelo entranuovamente in possesso palla la Juventus si trova in superiorità numerica all'altezza del limite dell'area della Lazio pur partendo da uno situazione di possesso palla nella propria metacampo. Il cross basso di Cancelo è per CR7, l'intervento di Strakosha ne impedisce il tap in finale, ma dietro c'è Mario Mandzukic, che non fallisce.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK