Juventus
    29.04.2018 10:00 - in: Serie A S

    Talking points: la vittoria di ieri sera

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Cinque numeri chiave sul Derby d'Italia

    Vittoria incredibile. Maturata in due minuti a fine partita, proprio quando sembrava che si andasse incontro a una sconfitta molto pericolosa per il cammino verso lo Scudetto.

    E invece, Cuadrado e Higuain...

    Ma intanto, ecco i dati generali di Inter-Juve

    FINO ALLA FINE...

    Tutto in tre minuti. Come si diceva, un secondo tempo complicato e una sfortunata autorete di Andrea Barzagli (non accadeva da 4 anni) avevano reso la scalata alla vittoria di San Siro tremendamente difficile.

    E invece, al minuto 86 Cuadrado semina il panico con una discesa sulla destra che un tocco di Skriniar indirizza verso la porta interista. E all'89', la testata del Pipita che fa impazzire il popolo bianconero.

    ... E FIN DALL'INIZIO

    Vantaggio al 13' con un gran gol di Douglas Costa per i bianconeri: la Signora ha segnato nove gol nei primi 15 minuti di gioco, nessuna squadra ne ha realizzati di più – Juventus miglior attacco anche nel secondo tempo con 46 reti.

    GONZALO, CHE RITORNO AL GOL!

    Gonzalo Higuain ha interrotto il suo digiuno più lungo in tutte le competizioni da quando è in Italia. Ma lo ha fatto con un gol che, come lui stesso ha ammesso, vale un bel pezzo di Scudetto.

    Al termine di una gara in cui il Pipa ha tirato 3 volte, gestendo 32 palloni con 7 duelli e una percentuale di efficacia al passaggio dell'85%

    ATTACCHI E DIFESE

    Quelli che seguono (aprire l'immagine in un'altra scheda per vederla nel migliore dei modi) sono i numeri delle difese e degli attacchi delle due squadre in campo ieri.

    LE ZONE DI ATTACCO BIANCONERE

    In una gara nella quale non è stato netto il divario nel possesso palla (56% per la Juve), nè tutto sommato la differenza nel numero di tiri verso la porta avversaria (13-10 sempre per i bianconeri), la Juve ha costruito la gara soprattutto sulla fascia di Alex Sandro e Douglas Costa, vale a dire la sinistra. Come si nota, quasi il 40% degli attacchi bianconeri si sono sviluppati in questa zona, a fronte del 31% dall'altra parte e solo il 29% per vie centrali.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK