Juventus
    Juventus
      26.03.2018 17:30 - in: Primavera S

      Viareggio Cup, l'avventura si ferma alla semifinale

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      I ragazzi di Dal Canto cedono alla Fiorentina al penultimo atto: 4-1 il finale

      Non basta un secondo tempo di grande intensità: la Juventus paga un micidiale uno-due in avvio di gara, e non riesce ad accedere alla finale in programma mercoledì: a Viareggio passa la Fiorentina, con il punteggio di quattro reti a una.

      L'INIZIO DI GARA

      Complicatissima la partenza dei bianconeri, che dopo solo un quarto d'ora di gioco sono già sotto di due gol: al 7' la prima marcatura, di Lakti, con un preciso diagonale, e al 14' la seconda, con un tap-in di Diakhate, che raccoglie una respinta corta di Loria da azione di calcio d'angolo.

      La Juve cerca di organizzare una risposta, con Fagioli protagonista in più di una occasone (bello il suo tocco di punta nello stretto in area al 20', con il portiere viola attento nella parata), ma il finale di tempo vede di nuovo la Fiorentina alzare la pressione e proporsi in più di una occasione dalle parti di Loria.

      LA RIPRESA

      Parte a spron battuto il secondo tempo dei bianconeri, che riaprono il match con un gran tiro a giro di Montaperto da fuori area, che si insacca e sembra cambiare completamente l'inerzia del match. E' però un gol illusorio: passano solo 3 minuti e Gori, dopo aver vinto un duello con Zanandrea, trafigge Loria per la terza volta con un diagonale all'angolino destro. 

      La Juve non molla, al minuto 60 va vicinissima a riaprire di nuovo la gara con un rasoterra di Muratore, a lato di un nulla, e poi ancora con Zanadrea al 62' e Morachioli al 72', ma entrambi i tentativi sono vani: è anzi la Fiorentina a chiudere la gara con il piede sull'acceleratore, prima fallendo un calcio di rigore con Diakhate (grande parata di Loria) e poi, sul calcio d'angolo conseguente, andando in rete con lo stesso giocatore.

      «E’ stata una partita vissuta sugli episodi, dopo 14’ eravamo sotto di due gol – spiega Mister Dal Canto a fine gara - La bravura nelle occasioni favorevoli è stata decisiva, e inoltre la Fiorentina si è dimostrata una squadra esperta, forte fisicamente e tecnicamente. Adesso sotto con il campionato, siamo in tanti sullo stesso livello, quindi anche qui gli episodi saranno fondamentali».

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK