Juventus
    Juventus

      Massimiliano Allegri

      Massimilano Allegri

      Allenatore

      Spiccata personalità, esperienza e preparazione: questo è l'identikit di Massimiliano Allegri, uno dei migliori tecnici italiani in circolazione, capace in carriera di portare al successo le squadre allenate fin da subito. 

      Basti vedere la sua esperienza al Milan, dove si è fatto trovare immediatamente pronto all’appuntamento con la storia, centrando un memorabile bis – Scudetto e Supercoppa italiana – alla sua prima stagione in rossonero. 

      Due volte vincitore della Panchina d’Oro (come allenatore di Lega Pro e, in seguito, come tecnico di Serie A), Massimiliano Allegri è uno dei più giovani allenatori di sempre a vincere il Tricolore. Primo, secondo e terzo nel corso delle sue prime tre stagioni in rossonero, tra i fiori all’occhiello del curriculum del neotecnico bianconero ci sono anche una storica promozione in Serie B con il Sassuolo e due tra le migliori stagioni nella recente storia del Cagliari. 

      L’annata che lo lancia alla ribalta delle cronache sportive nazionali è proprio quella al comando del Sassuolo (2007/08), quando conquista la prima promozione in Serie B della storia del club neroverde che gli vale il premio “Panchina d’oro” come miglior tecnico della Lega Pro Prima Divisione. Nel maggio 2008, quindi, arriva il primo ingaggio come tecnico di una squadra di A: Cellino lo chiama a Cagliari, la squadra che lo fa conoscere al grande pubblico italiano. Con i sardi, alla prima stagione, arriva non solo la salvezza ma anche un posto a metà classifica in campionato. 

      Dopo un’annata così, non poteva che arrivare anche la seconda Panchina d’Oro, questa volta come allenatore della massima serie. Nella stagione 2010/11 arriva  la chiamata al Milan. Il tricolore manca da sette anni in casa rossonera, ma lui si fa trovare pronto e vince immediatamente lo scudetto, il 18°, venendo premiato al Gran Galà del calcio come miglior tecnico di A del 2011 davanti a Mourinho. 

      Alla Juventus, dove è chiamato nel luglio 2014, si ripete e si supera: in una sola stagione conquista uno storico bis (campionato e Coppa Italia) e raggiunge una finale di Champions League che mancava da 12 anni. Il suo secondo anno bianconero inizia con un altro trofeo, il terzo della sua gestione: la Supercoppa italiana conquistata a Shanghai contro la Lazio, già avversario in finale di Tim Cup. 

      Inizia la stagione 2015/16 in bellezza, dicevamo, e la chiude in bellezza. La Juventus sotto la sua gestione vince in rimonta uno storico quinto scudetto consecutivo, il 34°, ed alza a Roma nuovamente la Coppa Italia. 

      Agonismo, tecnica individuale, grinta e mentalità offensiva: le caratteristiche del calcio di Allegri si sposano alla perfezione con la filosofia bianconera. Perché alla Juve 'vincere è l'unica cosa che conta', da oltre un secolo a questa parte.

      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK