Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

Attaccanti

 
   
  •   Testa
  •   Altro
  •   Destro
  •   Sinistro
 
 
  •  
  •  
  •  
    • Peso
    • Altezza
    • Classe
  •  

Questa pagina contiene le informazione dettagliate sul profilo e la carriera di Fabio Quagliarella, attaccante della Juventus.

Pagina Facebook

La carriera

  • Stagione Squadra Categoria reti
    2012/13 Juventus A 27/9
    2011/12 Juventus A 23/4
    2010/11 Juventus A 17/9
    2009/10 Napoli A 34/11
    2008/09 Udinese A 36/13
    2007/08 Udinese A 37/12
    2006/07 Sampdoria A 35/13
    2005/06 Ascoli A 33/3
    2004/05 Torino B 34/7
    2003/04 Chieti C1 32/17
    Gen 2003 Chieti C1 11/2
    Ago 2002 Florentia Viola C2 12/1
    2002/03 Torino A -/-
    2001/02 Torino A 4/-
    2000/01 Torino B -/-
    1999/00 Torino A 1/-
  • Stagione Squadra Nazionali Europee
    2012/13 Juventus 1/- 7/4
    2011/12 Juventus 4/- -/-
    2010/11 Juventus -/- -/-
    2009/10 Napoli 2/- -/-
    2008/09 Udinese 1/- 11/8
    2007/08 Udinese 2/- -/-
    2006/07 Sampdoria 7/1 -/-
    2005/06 Ascoli -/- -/-
    2004/05 Torino 4/2 -/-
    2003/04 Chieti -/- -/-
    Gen 2003 Chieti -/- -/-
    Ago 2002 Florentia Viola -/- -/-
    2002/03 Torino -/- -/-
    2001/02 Torino -/- -/-
    2000/01 Torino -/- -/-
    1999/0 Torino -/- -/-
  • Competizione Stagione
    Supercoppa Italiana 2013
    Campionato italiano 2012/2013
    Supercoppa Italiana 2012
    Campionato Italiano 2011/2012    

Fabio Quagliarella

È l’”uomo delle magie”, l’“Houdini del gol”. Le giocate di Fabio Quagliarella sfidano le leggi della logica e della fisica e al pubblico non resta che lasciarsi scappare un “oohhh” di ammirazione e di stupore.

Reti da centrocampo, al volo dal limite dell’area, di tacco, in tuffo…il repertorio è vastissimo ed è stato aggiornato con ogni maglia indossata: quella del Torino, nelle cui giovanili è cresciuto e dove farà ritorno dopo gli anni a Chieti e nella Florentia Viola, quella dell’Ascoli, della Sampdoria e, soprattutto, dell’Udinese. Fabio vi arriva nella stagione 2007/08 e nel tridente friulano vengono esaltate non solo le sue doti di finalizzatore, ma anche la capacità di svariare per tutto il fronte d’attacco e di servire assist preziosi per i compagni. Dall’Udinese, nel 2009, passa al Napoli e per lui, nato a Catellamare di Stabia è un ritorno a casa. Il feeling con i tifosi e la città è immediato e Quagliarella mette a segno 11 reti, alcune capolavoro, in 34 presenze. 

Un ruolino di marcia di tutto rispetto che spinge la Juventus a portarlo a Torino. Fabio ripaga subito la fiducia, con gol pesanti e bellissimi. Un grave infortunio nel gennaio 2011 interrompe la sua prima stagione in bianconero, ma Quagliarella non è tipo da mollare: recupera, stringe i denti, lavora sodo e torna più forte di prima.