Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

Centrocampisti

 
   
  •   Testa
  •   Altro
  •   Destro
  •   Sinistro
 
 
  •  
  •  
  •  
    • Peso
    • Altezza
    • Classe
  •  

Questa pagina contiene le informazione dettagliate sul profilo e la carriera di Simone Padoin, centrocampista della Juventus.

La carriera

  • Stagione Squadra Categoria reti
    2012/13 Juventus A 20/-
    gen.2012 Juventus A 6/1
    2011/gen. 2012 Atalanta A 19/-
    2010/2011 Atalanta B 34/2
    2009/2010 Atalanta A 36/2
    2008/2009 Atalanta A 36/3
    2007/2008 Atalanta A 31/3
    2006/2007 Vicenza B 37/4
    2005/2006 Vicenza B 35/1
    2004/2005 Vicenza B 31/-
    2003/2004 Vicenza B 23/1
  • Stagione Squadra Nazionali Europee
    2012/13 Juventus 3/- 3/-
    gen.2012 Juventus 1/- -/-
    2011/gen. 2012 Atalanta 1/- -/-
    2010/2011 Atalanta 1/1 -/-
    2009/2010 Atalanta 1/- -/-
    2008/2009 Atalanta 1/- -/-
    2007/2008 Atalanta 1/1 -/-
    2006/2007 Vicenza 1/- -/-
    2005/2006 Vicenza -/- -/-
    2004/2005 Vicenza 3/- -/-
    2003/2004 Vicenza 1/- -/-
  • Competizione Stagione
    Supercoppa Italiana 2013
    Campionato Italiano 2012/2013
    Supercoppa Italiana 2012
    Campionato Italiano 2011/2012    

Simone Padoin

Centrocampista eclettico, infaticabile e ben dotato tecnicamente, Simone Padoin ha costruito la sua carriera in provincia, tra Bergamo e Vicenza. Cresce infatti nelle giovanili dell’Atalanta, con cui conquista una Coppa Italia Primavera, ma è con la magia biancorossa che fa il suo esordio tra i professionisti, nel 2003, in serie B.

In Veneto Padoin conferma le qualità che gli avevano già fatto conquistare la maglia dell’Under 19, e successivamente quelle di Under 20 e Under 21, dimostrando una duttilità preziosa. Nato esterno di centrocampo, può infatti giocare con uguale efficacia come mezz’ala o addirittura terzino. E proprio sulla linea di difesa gioca spesso al Vicenza, prima di tornare stabilmente a centrocampo e ricevere la chiamata di ritorno a Bergamo, nel 2007.

Conosce così la serie A e diventa uno dei pilastri dell’Atalanta, arrivando anche a sfiorare il bianconero nel 2010, quando prende parte alla tournée estiva della Juventus tra Stati Uniti e Canada. Il passaggio sotto la Mole però non si concretizza subito. Simone deve attendere altri 18 mesi per coronare il sogno. Li trascorre correndo per i colori nerazzurri, riportandoli nella massima serie dopo un anno di “purgatorio”, e contribuendo in maniera decisiva con 19 presenze nello scorso campionato, all’ottima prima parte di stagione dei bergamaschi.

Conte, che conosce e apprezza le sue qualità, avendolo già allenato quando era alla guida dell’Atalanta, nel 2009/10, lo chiama in bianconero e Simone risponde “presente”, ogni volta che viene chiamato in causa.