Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

Centrocampisti

 
   
  •   Testa
  •   Altro
  •   Destro
  •   Sinistro
 
 
  •  
  •  
  •  
    • Peso
    • Altezza
    • Classe
  •  

Questa pagina contiene le informazioni dettagliate sul profilo e la carriera di Andrea Pirlo, centrocampista della Juventus.

La carriera

  • Stagione Squadra Categoria reti
    2013/14 Juventus A 30/4
    2012/13 Juventus A 32/5
    2011/12 Juventus A 37/3
    2010/11 Milan A 17/1
    2009/10 Milan A 34/0
    2008/09 Milan A 26/1
    2007/08 Milan A 33/3
    2006/07 Milan A 34/2
    2005/06 Milan A 33/4
    2004/05 Milan A 30/4
    2003/04 Milan A 32/6
    2002/03 Milan A 27/9
    2001/02 Milan A 18/2
    gen ’00 Brescia A 10/0
    2000/01 Inter A 4/0
    set ’99 Reggina A 28/6
    1999/00 Inter A -/-
    1998/99 Inter A 18/0
    1997/98 Brescia A 29/4
    1996/97 Brescia B 17/2
    1995/96 Brescia B -/-
    1994/95 Brescia A 1/0
  • Stagione Squadra Nazionali Europee
    2013/14 Juventus 2/- 13/2
    2012/13 Juventus 3/- 10/-
    2011/12 Juventus 4/- -/-
    2010/11 Milan 3/- 5/-
    2009/10 Milan 1/- 8/1
    2008/09 Milan -/- 3/1
    2007/08 Milan 1/- 11/2
    2006/07 Milan 4/- 14/1
    2005/06 Milan 4/- 12/1
    2004/05 Milan 1/- 12/1
    2003/04 Milan 1/1 11/1
    2002/03 Milan 2/- 13/-
    gen ’00 Brescia -/-9-/-
    2000/01 Inter 1/- 3/-
    set ’99 Reggina 2/- -/-
    1998/99 Inter 5/- 6/-
    1997/98 Brescia 1/- -/-
    1996/97 Brescia 1/- -/-
    1995/96 Brescia -/- -/-
    1994/95 Brescia -/- -/-
  • Competizione Stagione
    Campionato Italiano 2013/2014
    Supercoppa Italiana 2013
    Campionato Italiano 2012/2013
    Supercoppa Italiana 2012
    Campionato Italiano 2011/2012
    Campionato italiano 2010/2011
    Coppa del Mondo per Club 2007
    Supercoppa europea 2007
    Champions League 2006/2007
    Campionato del Mondo 2006
    Supercoppa italiana 2004
    Campionato italiano 2003/2004
    Supercoppa europea 2003
    Champions League 2002/2003
    Coppa Italia 2002/2003    

Andrea Pirlo

Nel calcio si usano spesso metafore ardite per definire alcune tipologie di giocatori: il “mastino” è un marcatore implacabile, il “bomber” un attaccante spietato, il “manovale” è un  centrocampista di quantità, mentre il “geometra” è il regista, colui che disegna le trame del gioco, quello da cui parte l’azione.

Andrea Pirlo, seguendo lo schema, apparterrebbe a quest’ultima categoria ma, con tutto il rispetto dovuto ai geometri, sarebbe riduttivo chiamarlo così. Se proprio si volesse rimanere in tema, lo si potrebbe allora definire l’”architetto” o, meglio ancora, l’”ingegnere”. Perché Andrea Pirlo da Brescia, è sì un costruttore di gioco, ma di livello assoluto.

Un fuoriclasse dai piedi illuminati e dalla velocità di pensiero supersonica. Un campione che capisce prima degli altri il ritmo di una partita e, cosa ancor più importante, sa farlo suo e cambiarlo, se necessario. Ha un tiro potente, ma soprattutto preciso e “velenoso”, termine che, non a caso, ha battezzato i suoi micidiali calci di punizione.

Più di tutto, è di una freddezza glaciale nei momenti che contano: per lui, tirare un rigore in allenamento, o inaugurare la serie in una finale mondiale non fa differenza. E se la fa, non lo dà a vedere. Una qualità comune ai leader, un pregio che possono vantare solo gli autentici trascinatori, i predestinati.

E Andrea Pirlo è un predestinato: cresciuto nel Brescia, ha esordito in serie A a 16 anni appena compiuti, nel 1994/95. Nasce trequartista e in quel ruolo gioca al Rigamonti, poi con la Reggina e l’Inter, fino al ritorno a Brescia nel gennaio 2001. Qui, per coesistere con Roberto Baggio, arretra la sua posizione e si trasforma in regista, ruolo che farà la fortuna sua e del Milan nei successivi dieci anni trascorsi in rossonero.

Il palmares è imponente: un Mondiale per club, due Champions League, due Supercoppe Europee, cinque scudetti, tre Supercoppe italiane e una Coppa Italia. Questo per rimanere solo ai successi di club. Perché la storia di Pirlo è costellata anche da tante soddisfazioni azzurre: campione d’Europa e capocannoniere del torneo continentale nel 2000 con l’Under 21, bronzo con l’Olimpica ad Atene 2004, soprattutto campione del mondo a Berlino 2006.