Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

Difensori

 
   
  •   Testa
  •   Altro
  •   Destro
  •   Sinistro
 
 
  •  
  •  
  •  
    • Peso
    • Altezza
    • Classe
  •  

Questa pagina contiene le informazione dettagliate sul profilo e la carriera di Federico Peluso, difensore della Juventus.

La carriera

  • Stagione Squadra Categoria reti
    gen.-giu. 2013 Juventus A 12/-
    2012/gen. 13 Atalanta A 13/1
    2011/12 Atalanta A 33/1
    2010/11 Atalanta B 33/1
    2009/10 Atalanta A 24/1
    gen. ’09 Atalanta A 8/-
    2008/09 AlbinoLeffe B -/-
    2007/08 AlbinoLeffe B 40/4
    2006/07 AlbinoLeffe B 21/1
    2005/06 Ternana B 31/1
    2004/05 Ternana B 35/-
    2003/04 Pro Vercelli C2 27/-
    2002/03 Pro Vercelli C2 17/1
    2001/02 Pro Vercelli C2 1/-
  • Stagione Squadra Nazionali Europee
    gen.-giu. 2013 Juventus 2/1 3/-
    2012/gen. 13 Atalanta -/- -/-
    2011/12 Atalanta 1/- -/-
    2010/11 Atalanta 2/- -/-
    2009/10 Atalanta 1/- -/-
    gen. ’09 Atalanta -/- -/-
    2008/09 AlbinoLeffe -/- -/-
    2007/08 AlbinoLeffe 1/- -/-
    2006/07 AlbinoLeffe -/- -/-
    2005/06 Ternana 2/- -/-
    2004/05 Ternana 4/- -/-
    2003/04 Pro Vercelli -/- -/-
    2002/03 Pro Vercelli -/- -/-
    2001/02 Pro Vercelli -/- -/-
  • Competizione Stagione
    Supercoppa Italiana 2013
    Campionato Italiano 2012/2013    

Federico Peluso

Un difensore duttile, che può ricoprire, con la stessa efficacia, il ruolo di terzino sinistro o di centrale, che sa spingere e farsi valere in zona gol con la stessa puntualità con cui ferma gli attaccanti avversari: Federico Peluso è un giocatore moderno, non solo perché sa giocare in più ruoli, ma anche perché sa adattarsi facilmente a sistemi di gioco differenti.

Nato a Roma il 20 gennaio del 1984, Peluso ha affinato queste capacità nel corso di tutta la sua carriera, iniziata nelle giovanili della Lazio e proseguita nel 2001 nella Pro Vercelli, maglia con cui scopre il calcio professionistico. Dopo le esperienze nella Ternana e nell’Albinoleffe, nel 2009 approda in serie A, con l’Atalanta. Qui conosce Antonio Conte e diventa un punto fermo della formazione bergamasca.

La continuità delle prestazioni e la crescita costante gli valgono anche la convocazione in Nazionale. Nell’agosto 2012 debutta in amichevole contro l’Inghilterra e il 7 settembre timbra anche il primo cartellino in gare ufficiali contro la Bulgaria. Quattro giorni dopo arriva anche la soddisfazione del primo gol azzurro contro Malta.