Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

Coppa Uefa

La coppa delle città di Fiera (denominata anche coppa delle Fiere) viene alla luce poche settimane dopo la creazione della Coppa dei Campioni grazie ai dirigenti: Ernst Thommen (Svizzera), Sir Stanley Rous (Inghilterra) e all’italiano Ottorino Barassi. Il primo torneo si gioca nel 1955. Dal 1971/72 diventa Coppa UEFA, gestita direttamente dall’Uefa, un torneo aperto a tutti e non solo alle città con Fiere. La finale si disputa con partite di andata e ritorno, mentre dal 1997/98 viene introdotta la finale con partita unica in campo neutro. Con l’abolizione della Coppa Coppe (1999) viene allargato il numero dei partecipanti che vede oltre alle migliori squadre europee, anche i vincitori della coppa nazionale. Nel 2009 cambia ancora nome e formula diventando Uefa Europa League, molto simile nel format alla Champions League.

Flash Coppa UEFA

Coppa UEFA 1993

In una stagione non esaltante per quanto riguarda il Campionato, è la Coppa UEFA ad attirare attenzioni e ambizioni. Qui le cose si mettono assai meglio: battuti i ciprioti dell'Anorthosis, i greci del Panathinaikos e i ceki del Sigma Olomouc, i bianconeri si qualificano per i quarti, dove a marzo li attende il glorioso Benfica di Paulo Sousa. Battuta col minimo scarto a Lisbona, la Juve si riscatta con gli interessi a Torino, imponendosi per 3-0 con reti di Kohler, Dino Baggio e Ravanelli.

In semifinale, tocca al Paris St. Germain di Weah: a Torino, proprio Weah porta in vantaggio i transalpini, ma nel finale ci pensa Roberto Baggio, al top della condizione, a segnare i due gol del sorpasso e della speranza. E al Parco dei Principi, il 22 aprile, quattro giorni dopo la splendida, ancorché tardiva, vittoria sul Milan al Meazza (3-1) che rilancia la Juve nelle prime posizioni in campionato, ancora Baggio segna il gol che toglie ai francesi qualsiasi speranza.

La terza Coppa UEFA finisce nella bacheca juventina dopo una doppia finale a senso unico con i tedeschi del Borussia Dortmund, battuti prima in Germania per 3-1 il 5 maggio (marcatori juventini Dino e Roberto Baggio) e poi per 3-0 al Delle Alpi il 19 maggio (doppietta di Dino Baggio e gol di Moeller).

La Squadra

  • GIOCATORI
  • Peruzzi
  • Rampulla
  • Carrera
  • Kohler
  • Galia
  • Vialli
  • Torricelli
  • Conte
  • Moller
  • Baggio D.
  • Baggio R.
  • Di Canio
  • Ravanelli
  • De Marchi
  • Julio Cesar
  • Platt
  • Casiraghi
  • Marocchi
  • Sartor
  • Ragagnin
  • ALLENATORE
  • Trapattoni Giovanni