Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

12 apr 2012

Chiellini: «E ora il Cesena»

«Dobbiamo essere più cinici e non complicarci la vita con distrazioni che poi rischiamo di pagare a caro prezzo. Domenica massima attenzione»


«Ci siamo un po’ complicati la vita da soli». L’incipit di Giorgio Chiellini nell’analizzare la vittoria contro la Lazio, la dice lunga sul significato dell’espressione “mentalità vincente”. La Juve ha vinto una partita difficile, strameritando un successo ben più rotondo di quanto non dica il punteggio, è ancora in testa alla classifica, gioca in maniera spettacolare... Tutto questo però non basta ai bianconeri: «Alla fine del primo tempo avremmo dovuto come minimo essere 2-0 e invece abbiamo subito il pareggio proprio nei minuti finali. Il momento peggiore per prendere un gol, anche per ché non si ha il tempo di reagire. Non è un caso che a inizio ripresa il gioco sia stato molto spezzettato. C’era tensione perché era inconcepibile pareggiar e una gara del genere, giocata a senso unico. Ringraziamo Alex per il suo gol, ma dobbiamo imparare a chiudere prima le partite».

Un maggior cinismo può far parte di un ulteriore processo di crescita. Quello vissuto finora ha però già portato la Juve non solo  in testa alla classifica, ma anche a praticare un calcio tra i più spettacolari in Europa: «E infatti abbiamo voglia di confrontarci con le migliori del continente, perché ci sentiamo maturi per farlo. Ora però è meglio concentrarsi sul Cesena. Queste partite sono spesso le più insidiose: giocheremo su un campo in sintetico, contro una squadra che, visto che siamo imbattuti, può scrivere una pagina della sua storia. Quindi massima attenzione».