Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

18 dic 2011

Pepe: «Un altro ostacolo superato»

«Ora però ci attende una gara difficilissima contro l’Udinese»

Quinto gol in stagione, una prestazione “monster”, per qualità e quantità, e ora la sfida contro l’Udinese, per lui particolarmente sentita visto che è un ex. Simone Pepe è tra i protagonisti assoluti della vittoria contro il Novara, ma sa che la gara di mercoledì è troppo importante e, più che concentrarsi sul successo di oggi, guarda già al prossimo impegno: «Abbiamo superato un altro ostacolo. Abbiamo avuto forse poca lucidità sotto porta, ma c’è stata grande intensità dall’inizio all afine. Ora ci attende una gara difficilissima, contro una squadra che gioca un bel calcio e che sa vincere. L’Udinese mi ha dato tanto, è una città che porto nel cuore e con la quale ho trovato la maglia della Nazionale. Se ora sono la Juve lo devo anche a Udine, però faremo di tutto per ottenere un risultato positivo».

La Juve ha la possibilità di chiudere il 2011 in vetta, tenendo dietro anche il Milan che «ha forse più tecnica - spiega Simone - ma noi abbiamo molta “fame” e questo può fare la differenza. Personalmente sto bene, ma non mi piace parlare del mio momento. E’ la squadra che aiuta i singoli a fare bene».

E quanto a tecnica e qualità la Juve non scherza. Ne sono la prova le prestazioni di Quagliarella e Del Piero, tornati titolari: «Lo sarebbero in qualsiasi squadra - sottolinea Simone - Abbiamo una rosa importante e non c’è differenza se in campo scende chi ha finora ha giocato meno. Alex non ha segnato? Beh, vorrà dire che lo farà la prossima volta, magari con un gol da tre punti...».