Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

20 nov 2011

Marchisio, il Principino è diventato Re

"Il nostro obiettivo era tornare primi in classifica con una partita in meno. Ora, dopo le trasferte contro Lazio e Napoli non sarebbe male avere sei punti in più"

Macché Principino, Marchisio è il Re del gol in casa Juve. E’ lui il bomber della squadra, con cinque reti già messe a segno in undici partite come  attaccante di razza, tanto che... «Matri comincia a guardarmi male», scherza Claudio. Con una media del genere però potrebbe ambire alla classifica dei cannonieri: «Preferisco vincere altro» risponde secco Marchisio che per il gol ha però una dedica speciale: «Al bimbo che mia moglie ed io stiamo aspettando e che sarà un maschietto».

A parte la rete, quella contro il Palermo è stata l’ennesima prova da fuoriclasse, forse la migliore con la Juve: «A dire il vero ne ricordo altre ottime. Rispetto al passato è cambiato il ruolo e poi è arrivato Vidal che corre per quattro e mi permette di rifiatare. Mi fa piacere aver giocato una buona partita, come tutta la squadra del resto. Abbiamo speso molto nel primo tempo e non siamo riusciti a raddoppiare, anzi Gigi ha dovuto fare due interventi importanti. Nella ripresa però siamo entrati in campo determinati e in un quarto d’ora abbiamo chiuso la gara».

I bianconeri continuano a ribadire di non guardare la classifica, ma non per questo nascondono le proprie legittime ambizioni: «Il nostro obiettivo era tornare primi in classifica con una partita in meno. Ora, dopo le trasferte contro Lazio e Napoli non sarebbe male avere sei punti in più. Già sabato però sarà dura. La Lazio ha due ottimi attaccanti come Klose e Cissé e vive un ottimo momento. Noi in ogni caso giocheremo per i tre punti».