Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

06 gen 2013

Buffon: «Ci è mancata lucidità»

«Sono dispiaciuto perché il mio errore ha compromesso tre punti che sembravano quasi certi»

«Sono dispiaciuto perché il mio errore ha compromesso tre punti che sembravano quasi certi. Il bello del  calcio è questo, per gli altri in però, perché quando capita a te non sembra tanto bello...». la grandezza di un campione non si misura solo dai colpi di classe, dai gol capolavoro o, nel caso di un portiere dalle parate miracolose. Si vede anche e soprattutto quando, dopo aver commesso un errore, finita la partita si ha la personalità per ammettere lo sbaglio e parlarne serenamente. E Gigi Buffon che è Campione con la C maiuscola, dopo la sconfitta contro la Sampdoria non ha difficoltà ad analizzare l’episodio del gol del pareggio dei blucerchiati. Gigi arriva sul tiro di Icardi, ma riesce solo a toccare, facendosi sorprendere dal rimbalzo del pallone: «Ho sbagliato perché quando è partito il tiro stavo ancora indietreggiando con i piedi e quindi ero in equilibrio precario - spiega il portiere - Di solito non commetto errori simili, ma questa volta ero troppo in avanti.  Sul secondo gol onestamente è diverso, perché , per prendere quel tiro avrei dovuto fare una parata davvero importante. Detto questo se ci fossi riuscito non sarei stato sorpreso...».

Il rammarico è comprensibile, specie dopo aver perso una gara che si era invece messa in discesa, dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio: «In spogliatoio ci eravamo ripromessi di chiudere la partita entrando con il piglio giusto, perché non potevamo prolungare la gara e correre il rischio di non vincere. Invece ci è mancata un po’ di lucidità, abbiamo commesso degli errori e subito dei contropiedi in 11 contro 10 da cui sono nati i due gol della Samp. E’ anche vero che il primo “l’ho fatto io...Subito dopo ho guardato l’orologio e mancava ancora parecchio tempo, quindi ho pensato che forse saremmo riusciti a vincere lo stesso. Ogni volta che sbaglio però non ci riusciamo e questo mi spiace ancora di più.»