Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

07 mag 2012

Le parole dei campioni

Le interviste rilasciate a caldo da alcuni dei protagonisti del trionfo bianconero

Buffon

«La sera dell’inaugurazione dello Juventus Stadium mi sono detto: “Io appartengo a questa società. Una società che ha fatto la storia e non possiamo più permetterci di non onorarla”

Il giorno dopo l’avevo detto: “Noi quest’anno vinciamo lo scudetto”. Mi avevano riso dietro e non l’avevo presa bene...Io avevo ritrovato il sogno e quando ritrovo il sogno, sono cavoli amari per gli altri...».

Barzagli

«Ci abbiamo creduto sempre di più e ora siamo felicissimi. A La corsa è rimasta tra noi e il Milan, ma penso sia uno scudetto meritato».

Bonucci

E’ stupendo, ci abbiamo messo voglia vincendo uno scudetto da veri juventini. Abbiamo capito che avremmo potuto vincere oggi al gol di Vucinic, ma abbiamo dimostrato con grandi partite, come quelle contro Inter, Milan e Napoli, di meritare questo trentesimo scudetto".

Chiellini

«Quando si prendono pochi gol è merito di tutti. Nel campionato italiano la miglior difesa vince e questo scudetto ne è la prova. Festeggeremo questa sera, ma vogliamo finire imbattuti e vincere la Coppa Italia».

Marchisio

«Aspettavo questo scudetto da quando sono arrivato in prima squadra e dopo questi ultimi due anni in cui abbiamo sofferto tutti, giocatori e tifosi. L’artefice più importante forse è stato il mister. Ci ha dato identità e voglia di vincere»

Pirlo

«Uno scudetto meritato, voluto fin dall’inizio dell’anno. Abbiamo giocato bene e ci godiamo il momento. Sono venuto qui per vincere e ci sono riuscito».

Borriello

«E’ la vittoria del gruppo. Questo scudetto l’ha visto la squadra che più di tutti ha meritato».

Matri

«Provo una sensazione strana e bellissima. Nessuno ci sperava a inizio campionato e piano piano abbiamo acquisito consapevolezza, fiducia, uno scudetto meritato»

Del Piero

«Festeggiamo uno scudetto che tutti abbiamo meritato alla grande. Quanto successo questa sera mi ripaga di tanti anni difficili, penso soprattutto al 2006...Ricordo tutto di quell’anno. Ed è anche per questo che lo scudetto di oggi ha un sapore speciale. E’ una bella storia e sono felice di farne parte»

Quagliarella

«E’ il mio primo scudetto ed è una gioia indescrivibile. E poi siamo imbattuti, ti senti davvero invincibile. Il  primo pensiero è per la mia famiglia. Sanno quanto ho sofferto dopo l’infortunio al ginocchio e sanno quanto questa vittoria è importante per me»