Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

09 feb 2013

Pronti per l’Europa

La Juve regola la Fiorentina 2-0, giocando una gara perfetta per determinazione e intensità

La Juve è pronta per l’Europa: i bianconeri sono tonici, pimpanti e contro la Fiorentina mostrano il piglio dei giorni migliori. Quella viola è indubbiamente una bella squadra, dotata di buona tecnica e allenata con sapienza da Montella. Quella bianconera però una grande squadra. E quando gioca con l’autorevolezza di questa sera, pochi avversari possono tenerle testa. Non possono riuscirci i toscani, stesi dall’uno-due di Vucinic e Matri nel primo tempo e addomesticati nella ripresa.

Le due squadre palleggiano bene e, soprattutto, non lo fanno a caso, avendo un gioco collaudato e giocatori che rispettano le consegne. Il risultato sono manovre avvolgenti e piacevoli, ma anche difese toste e ben piazzate, difficili da superare. Una soluzione può venire dai lanci in verticale: quello che al 9’ parte dal piede di Pirlo e pesca Marchisio in area è da manuale, così come il tocco al centro, sul quale però non arriva nessuno a deviare. Tempo di rimettere in gioco il pallone e il Principino sfiora il palo, con un rasoterra dal limite. Dall’altra parte Buffon esce a chiudere su Jovetic, che si libera in area dopo un bello scambio con Toni, e blocca  a terra il sinistro di Cuadrado.

La gara è vivace e dimostra che si può essere tatticamente ineccepibili, senza per questo frustrare lo spettacolo. Le occasioni si moltiplicano e i portieri hanno il loro bel da fare, anche con i piedi: quelli di Viviano respingono il tentativo di Vucinic, quelli di Buffon deviano la conclusione di Jovetic.  Lichtsteiner cerca la fiondata dal limite e Viviano ribatte con i pugni, ma due minuti dopo può solo provarci sul siluro di Vucinic: dal destro del montenegrino parte una saetta che si alza quel tanto che basta per scavalcare il portiere viola, prima di abbassarsi e gonfiare la rete.

Vucinic, già pimpante prima, con il gol trova energie supplementari e corre e pressa come un mastino di centrocampo. Al 33’ il suo lavoro sporco sembra trovare il giusto premio quando riesce a rubare palla a Rodriguez e a presentarsi a tu per tu con Viviano. Mirko però aspetta troppo a concludere e il suo destro viene respinto.

La Juve è comunque padrona della gara, lascia sfogare i viola, ma li tiene a debita distanza e ogni volta che avanza dà la sensazione di poter passare. Il momento buono arriva al 41’, quando Vidal, mostruosa la sua prestazione, veste i panni del trequartista, finta il tiro al limite dell’area, liberando invece Matri che controlla e pur perdendo scarpa ed equilibrio, riesce ad angolare il destro e a spedire il rete il 2-0.

I bianconeri sono pimpanti anche in avvio di ripresa: già al 3’ Peluso lancia sulla sinistra De Ceglie che crossa basso per l’accorrente Vidal. Il destro al volo è alto di poco, così come il tentativo di Pirlo cinque minuti più tardi.

Al quarto d’ora Caceres e Giovinco rilevano De Ceglie e Vucinic, quest’ultimo dolorante dopo un contrasto in area, ma il copione della gara non cambia. La Fiorentina produce uno sterile possesso palla, mentre la Juve continua a essere pericolosa quando attacca in verticale: al 22’ Lichtsteiner sfonda sulla destra e serve Matri dalla parte opposta. Sul diagonale dell’attaccante Viviano è fuori causa, ma il pallone sfiora il palo e termina a lato.

Alessio rinvigorisce il centrocampo mandando in campo Pogba al posto di Matri e pochi secondi dopo Giovinco spaventa due volte Viviano: prima con un destro a giro che il portiere riesce a deviare, poi con un sinistro rasoterra sull’esterno della rete.

Nel finale i viola accusano anche un po’ di stanchezza e la Juve controlla partita e risultato senza patemi. I bianconeri anzi cercano anche la terza rete, ma senza affanno.  Martedì c’è il Celtic e le energie è bene serbarle per l’Europa.

JUVENTUS-FIORENTINA 2-0

RETI: Vucinic 20’ pt, Matri 41’ pt

JUVENTUS

Buffon; Barzagli, Marrone, Peluso; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, De Ceglie (15’ st Caceres); Vucinic (16’ st Giovinco), Matri (30’ st Pogba).
A disposizione: Storari, Rubinho, Padoin, Giaccherini, Giovinco, Quagliarella, Anelka.
Allenatore: Alessio

FIORENTINA

Viviano; Roncaglia, Rodriguez, Savic (1’ st Tomovic); Cuadrado, Romulo, Pizarro, Borja Valero, Pasqual; Jovetic (29 ‘st Ljajic), Toni (12’ st El Hamdaoui).
A disposizione: Neto, Lupatelli, Compper, Bernardeschi, Wolski, Capezzi, Llama, Larrondo.
Allenatore: Montella.

ARBITRO: Mazzoleni

ASSISTENTI: Dobosz, Tonolini

QUARTO UFFICIALE: Di Fiore

ARBITRI D’AREA: Doveri, Calvarese

AMMONITI: 7’ st Cuadrado, 11’ st Marchisio, 13’ st Peluso, 30’ st Viviano, 41’ st Pizarro