Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

23 set 2012

Juventus-Chievo, le statistiche

Anche i dati evidenziano il dominio assoluto dei bianconeri. Quagliarella straordinario e ottimo debutto di Pogba

Un dominio assoluto. Non che ci fosse bisogno del conforto delle statistiche per rendersene conto, ma anche i dati confermano che Juventus-Chievo sia stata una gara a a senso unico. La supremazia nel possesso palla è ormai una costante delle partite dei bianconeri e sabato sera si è consolidata al 62%, con 712 palle giocate, contro le 470 degli avversari.

Anche la percentuale di passaggi riusciti, 72,5% è in linea con quella delle ultime gare, così come i 12 minuti e 24 secondi di supremazia territoriale, ben sette in più del Chievo.

Quasi imbarazzante la differenza tra la pericolosità della Juve e quella degli uomini di Di Carlo: 82,9% (meglio la Juve aveva fatto solo a Udine), contro il 22,9%.

La riprova sta nel numero delle conclusioni, ben 22, di cui 9 nello specchio della porta. E di queste 9, tolti i due gol, se ne ricordano almeno 4 in cui Sorrentino ha compiuto autentici miracoli. I due tiri in porta de Chievo sono invece stati bloccati senza patemi da Buffon.

La parte del leone riguardo alle conclusioni spetta ovviamente Fabio Quagliarella, autore di 6 tentativi, ma si segnalano anche Giaccherini e Vucinic con 4 e, nonostante fosse al debutto e abbia ampi margini di miglioramento, Isla, con 2.

A proposito di debutto, merita una menzione Paul Pogba, leader della gara con i 27 palloni recuperati e presente anche nella classifica dei passaggi riusciti, con 53 palloni mandati a destinazione. Da notare come in questo elenco figurino solo bianconeri: Chiellini, con 72, Bonucci con 63, Giaccherini con 58 e dopo Pogba, Asamoah e Lucio, entrambi a quota 48.

Il numero che più di tutti evidenzia come la Juve abbia messo il Chievo sotto pressione è però un altro: sono i 21 palloni recuperati da Stefano Sorrentino. Che un portiere figuri tra i migliori in una simile statistica la dice lunga sulla sua prestazione, ma soprattutto spiega meglio di tante parole in quale metà campo si sia giocato l’incontro...