Web Content Viewer (JSR 286) - NoInlineEdit

22 lug 2013 - in: La Squadra

Partitelle e tattica per il saluto a Châtillon

Ultimo allenamento per i bianconeri prima di lasciare la Valle d’Aosta. Il meritato ringraziamento ai volontari valdostani

Dopo dieci giorni intensi, di grande lavoro e tantissimo affetto, è finito il ritiro 2012/13 a Châtillon. Come da programma, la squadra ha svolto l’ultimo allenamento allo stadio Brunod, in attesa di lasciare la Valle d’Aosta nel pomeriggio.

Un’ultima seduta senza sconti per i bianconeri, anche alla luce dell’appuntamento di prestigio di domani sera: il trofeo TIM a Reggio Emilio contro Milan e Sassuolo. Partitelle nella fase di riscaldamento e tanta tattica hanno contraddistinto l’ultima uscita.

La prima parte è stata all’insegna dello spettacolo per il pubblico, con partitelle a un tocco, due tocchi e libera. Grandi giocate e risultato finale di 5-3 per i verdi, grazie alla doppietta di Llorente e le reti di De Ceglie, Padoin e Tevez. Per i gialli un’autorete di Isla e i centri di Motta e Fausto Rossi.

Nella seconda parte, Antonio Conte ha puntato tutta sulla tattica con le prove degli schemi e delle giocate da utilizzare in partita.

Come da tradizione bianconera, l’ultima seduta del ritiro è stato il momento in cui tutta la Juventus ha espresso il dovuto ringraziamento a tutti i volontari e la gente di Châtillon che anche quest’anno ha permesso di vivere dieci giorni in cui tutto è filato per il verso giusto.

Anche se il connubio continua con i ritiri delle giovanili, anche per questo 2013 può partire il «Grazie Châtillon» e «Grazie Valle d’Aosta».