Juventus
    20.05.2018 23:45 - in: Women S

    Dodici mesi indimenticabili

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Da giugno 2017 a oggi: un anno di successi straordinari

    "Il calcio femminile al momento è uscito dalla nicchia in cui è stato per troppo tempo, e nella percezione di tutti è diventato un'attività assolutamente paritaria per diritti ed esposizione a quello maschile"

    Stefano Braghin, Head of Academy & Women Football 10 Agosto 2017

    Indimenticabile. Emozionante. Vertiginoso. Felice. Stupefacente. Pazzesca.

    Soprattutto, intensa, #FinoAllaFine

    Potremmo andare avanti ore a pensare ad aggettivi che raccontino la nascita e la prima stagione del progetto #JuventusWomen. Un progetto vincente, e avvincente, fin dai suoi primi passi, lo scorso agosto. Un'avventura che è riuscita ad avvicinare migliaia di tifosi al calcio femminile, grazie ai gol, ai sorrisi, alle giocate, alle parole, alle esultanze e agli abbracci di queste straordinarie ragazze.

    Un gruppo nato praticamente dal nulla, e cementatosi mese dopo mese, sotto la guida, i consigli e gli incitamenti costanti di un'altra fuoriclasse del calcio femminile, Coach Rita Guarino.

    Una squadra che non solo ha saputo entrare nei cuori di tutti noi (e voi), ma che ha anche e soprattutto conseguito in campo obiettivi straordinari, forse nemmeno ipotizzabili un anno fa: il diritto di partecipare alla prossima Women Champions League prima, e soprattutto lo Scudetto poi.

    Uno Scudetto sudato, combattuto, inatteso, costantemente in bilico. Vinto, come amano dire proprio le nostre ragazze, grazie a una stagione #ATuttoGas.

    E allora non c'è niente di meglio, che raccontarla, questa stagione indimenticabile, con l'aiuto dei social media.

    LA NASCITA DI UN PROGETTO

    Tutto è iniziato il 16 giugno 2017. In quel giorno, l'account ufficiale della Juventus annuncia una notizia dal potenziale rivoluzionario: 

    Il 21 giugno viene annunciato il nome del tecnico: un coach di talento, spessore ed esperienza, Rita Guarino.

    L'ufficialità della partecipazione della Juventus al campionato di Serie A Femminile 2017/2018 arriva però il 1 luglio:

    SI COMINCIA A FARE SUL SERIO

    Siamo ad agosto: le giocatrici bianconere iniziano ad arrivare al J|Medical per le visite di idoneità.

    Il 10 agosto, poi, è il momento della conferenza stampa ufficiale di presentazione del progetto. 

    Le ragazze si spostano poi in Valle d'Aosta, ad Aymavilles, per una settimana di allenamenti, preziosa per cementare il gruppo e trovare la migliore condizione, e rendere davvero le Juventus Women sono pronte ad affrontare la stagione agonistica.


    SI PARTE!

    L'attesissima "Prima" è datata 27 agosto: le ragazze di Rita Guarino affrontano il Torino, gara valida per il primo turno di Coppa Italia, e le sommergono di gol: 13, per la precisione. 

    Circa un mese dopo, il 30 settembre, arriva un altro esordio per le ragazze di Rita Guarino: quello, ancora più importante, in campionato, contro l'Atalanta Mozzanica in trasferta. E anche qui, arriva la prima vittoria.

    UNA STAGIONE DI EMOZIONI

    Inizia ufficialmente, quel giorno, una stagione che per le bianconere, racconta solamente vittorie. In Coppa, e anche in Campionato. La Juventus macina gol su gol, record su record, strapazza il Brescia, all'andata in trasferta. Vinovo si innamora sempre di più di queste 11 campionesse, che mettono in campo un calcio fatto di concentrazione, agonismo, ma anche doti tecniche di assoluto rilievo, tant'è che proprio a settembre è Barbara Bonansea, capocannoniere di Serie A, a battere i colleghi della Prima Squadra e aggiudicarsi il premio di Goal of the Month, scelta dai fans su internet, con questa splendida marcatura. 

    Il primo reale obiettivo della stagione viene raggiunto domenica 25 marzo: con la vittoria per 5-0 a Sassuolo, la Juve conquista la matematica certezza di disputare, la prossima stagione, la Women's Champions League

    Raggiunto questo traguardo, le nostre ragazze hanno vissuto anche la prima, e unica, fase complicata della stagione, cedendo il passo al Brescia in casa e, la settimana successiva, alla Fiorentina.

    Ma hanno saputo riprendere le redini del loro campionato, arrivare a fine stagione in un testa a testa fenomenale contro il Brescia.

    Un testa a testa che ci ha portati allo spareggio. E ai calci di rigore. A oltranza. Ma alla fine di tutto, il resto è storia recente. Il resto è felicità.

    UNA STAGIONE SOCIAL

    Le ragazze bianconere sono state amate, e seguite, fin da subito. Dentro e fuori dal campo. Un successo i momenti "A tu per tu" su Twitter: #AskMartina prima, e #AskTuija poi.

    Per non dimenticare le interviste "incrociate", fra giocatori della prima squadra maschile e colleghe della prima squadra femminile: Him&Her! Qui ne avete un esempio, ma qui c'è tutta la playlist!

    Last but not least, l'onore riservato a Capitan Sara Gama, che è stata un modello per la Mattel, per la realizzazione di una Barbie che ne riproducesse le sembianze. Il motivo? Tutto raccontato qui

    La "Barbie Sara" ha poi fatto anche il suo ingresso ufficiale allo Juventus Museum:

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK