Juventus
    Juventus
      29.03.2019 10:00 - in: Serie A S

      OppositionWatch: l'Empoli

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Alla scoperta dei nostri avversari di sabato alle 18
      Il percorso

      Per una squadra che ha avuto due avvicendamenti tecnici le fasi principali del percorso sono cadenzate dalle ragioni che hanno determinato i cambi di direzione. La prima svolta si è determinata all'undicesima giornata: Aurelio Andreazzoli è stato allontanato proprio la settimana dopo la gara con la Juventus, quando i toscani hanno incassato 5 gol al San Paolo. In quel momento l'Empoli si trovava in zona caldissima, al penultimo posto in compagnia del Frosinone. La gestione di Beppe Iachini ha indubbiamente risollevato la classifica e il morale, ma 2 giornate fa la sconfitta a Roma e la contemporanea affermazione del Bologna hanno ridotto il margine di vantaggio sulla terzultima a un solo punto, inducendo la società al richiamo del tecnico precedente. Il nuovo esordio di Andreazzoli è stato positivo, il 2-1 sul Frosinone ha un grande significato perché ottenuto contro una diretta concorrente.

       

      Up...

      Le recenti difficoltà dell'Empoli non possono cancellare alcune situazioni positive vissute anche nell'ultimo periodo. E' il caso della netta vittoria della squadra – all'epoca ancora diretta da Iachini – sul Sassuolo, avvenuta alla quinta di ritorno. Un 3-0 secco, maturato con l'uno-due dopo la mezzora firmato da Krunic e Acquah, al quale poi si è aggiunto il sigillo definitivo del nuovo acquisto Farias. Il punteggio avrebbe persino essere più corposo: Krunic ha colpito la traversa sullo 0-0. L'unico pericolo avversario degno di nota è arrivato nel finale di gara, ma Dragowski è stato attento su una conclusione di Locatelli.

       

      ...and down

      Seconda giornata di campionato: l'Empoli si presenta a Marassi forte del successo maturato nel turno inaugurale contro il Cagliari. Ma con il Genoa quanto di buono si è visto nella settimana precedente evapora immediatamente. Non si è ancora arrivati a metà del primo tempo e già la formazione di Andreazzoli si trova sotto di 2 reti ad opera di Piatek e Kouame. Il punto della bandiera di Mraz arriva nel recupero e non modifica il senso di una giornata che rappresenta un immediato campanello d'allarme sotto un duplice aspetto: quello difensivo (con il Chievo condivide il primato dei gol incassati); l'andamento in trasferta, dove l'Empoli ha raccolto solo 4 punti, meno di ogni altra squadra in Serie A.

       

       

      Il protagonista

      19 anni, ivoriano, esordiente in Serie A in questo campionato. La stagione di Hamed Junior Traoré è fatta finora di 22 presenze in campionato e una in Coppa Italia, molte delle quali hanno fatto pensare che ci si trovi al cospetto di un giocatore dal futuro intrigante. Giocatore versatile, utilizzato in diverse zone del campo, ha fornito prove interessanti sia come mezzala che da trequartista. Traoré fa valere la sua stazza fisica e ha un bagaglio tecnico indubbiamente di qualità. La sua migliore gara è stata Empoli-Atalanta 3-2 nel girone d'andata

       

      l'analisi tattica

      Nella gara di andata la Juventus ha dovuto ricorrere ad un ottimo secondo tempo per avere la meglio sull'Empoli di Andreazzoli che, dopo un esonero di qualche settiamana, è ritornato come ad inizio stagione sulla panchina empolese. Il giocare la palla e creare densità a centrocampo sono due elementi che non solo fanno parte dell'idea di calcio del tecnico toscano, ma sono stati alla base delle diffcoltà incontrate dai bianconeri nella prima ora di gioco nonostante una netta supremazia territoriale da parte dei giocatori di Allegri. Nella gara di andata l'Empoli si schiera con la difesa a 4: nelle ultime di campionato invece Andreazzoli ha scelto la liena a 3.

      In occasione del gol del vantaggio, l'Empoli è reattivo con tre giocatori a proiettarsi immediatamente sulla zona palla dopo un rinvio della difesa. La Juventus ha preso campo, è costantemente in avanti, ma i padroni di casa riescono ad uscire palla al piede dalla propria trequarti servendo Acquah che, sfruttando il suo dribbling stretto e il suo dinamismo, riesce velocemente a ribaltare l'azione. Ripartenza seguita da diversi compagni con Caputo bravo a ribadire in rete una palla sporca in area bianconera.

      Ad inizio secondo tempo un'azione che esemplifica meglio ancor più del gol l'atteggiamento tattico dell'Empoli. La Juventus riesce a leggere bene la partita calandosi nei panni della "provinciale" lottando su ogni pallone e capendo che da una gara scorbutica puoi uscirne accettando anche la sfida sul piano della rottura del gioco. Ne nasce una prima fase della ripresa, fino al gol del pareggio e finché l'Empoli riesce a reggere sul piano fisico, spezzettata e confusa, con densità a centrocampo. Ma appena entrano in possesso i toscani non disdegnano comunque di cercare la giocata filtrante per potere guadagnare campo, nonostante il pressing bianconero e nonostante la Juventus porti ben 5 uomini a ridosso dell'area empolese con i padroni di casa in possesso palla.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK