Juventus
    Juventus
      17.04.2019 15:25 - in: Serie A S

      Juve-Fiorentina: la legge dello Stadium

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Dal 2011 ad oggi, una sola regola: 7 vittorie in 7 gare

      La trasferta torinese per la Fiorentina si è rivelata finora proibitiva in campionato. L'en-plein è maturato in partite dal diverso grado di difficoltà, ma la dimostrazione di superiorità è stata assolutamente coerente

      2011-12 2-1

      Il primo Juventus-Fiorentina giocato nella nostra nuova casa mette in scena i primi 45 minuti tra i più belli della Juve di Conte. C'è un solo limite: si va all'intervallo sul risultato di 1-0 a firma Bonucci, troppo poco tenendo conto delle 8 nitide occasioni da rete prodotte. A inizio ripresa gli ospiti pareggiano con Jovetic, ma 7 minuti dopo il punteggio torna favorevole grazie a Matri che traduce in gol un'azione travolgente di Pepe.

      2012-13 2-0

      Secondo anno di Conte e altra prova di forza di una Juve che pure si presenta in emergenza, con difesa a 3 che vede Barzagli guidare Marrone e Peluso. Succede tutto nel primo tempo. Apertura di Vucinic con tiro da fuori di Vucinic a superare Viviano. Raddoppia Matri ed è una scena cult: l'attaccante calcia verso la porta con successo mentre perde la scarpa.

      2013-14 1-0

      A decidere la gara del terzo anno è Asamoah. Uno dei gol più belli della sua esperienza bianconera, preparato da un colpo di tacco e da un tiro da fuori che sorprende un futuro portiere juventino: Norberto Neto.

      2014-15 3-2

      Primo anno di Allegri: Juve-Fiorentina è una gara complicata. I viola vanno in vantaggio con un rigore trasformato da Gonzalo Rodriguez. Ma già al riposo i bianconeri hanno rovesciato il risultato grazie a 2 reti di testa: la prima di Llorente, la seconda di Tevez. Carlitos colpisce ancora nella ripresa sfruttando un lancio di Marchisio. A un minuto dal termine una punizione di Ilicic fissa il risultato sul 3-2.

      2015-16 3-1

      Copione simile all'anno precedente nel 2015-16. Viola in vantaggio su rigore, ma la Juve pareggia subito con un colpo di testa di Cuadrado. Nell'ultimo quarto di gara arriva l'uno-due decisivo. Le reti sono di Mandzukic e Dybala e permettono alla squadra di guadagnare la sesta vittoria consecutiva nella grande rimonta che porterà al tricolore.

      2016-17 2-1

      La sfida con la Fiorentina apre il campionato del sesto scudetto consecutivo. Il primo gol del torneo è siglato da Khedira, che corregge un traversone di Chiellini con un potente colpo di testa. Al venticinquesimo della ripresa pareggia Kakinic. Cinque minuti dopo è Higuain, subentrato al posto di Mandzukic a metà del secondo tempo, a trovare la via del gol.

      2017-18 1-0

      Anche l'ultima vittoria matura nel secondo tempo. Il gol decisivo nasce da un cross di Cuadrado e da un colpo di testa in tuffo di Mandzukic che impatta perfettamente il pallone e supera Tatarasanu. La Juve ha ancora diverse opportunità per incrementare il punteggio. L'1-0 comunque basta per centrare la quinta vittoria di fila dall'inizio del campionato.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK