Juventus
    Juventus
      19.02.2019 11:00 - in: Primavera S

      Youth League: Dinamo Kiev-Juve, Match Preview

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Quello che c'è da sapere sulla sfida della nostra Primavera in Ucraina in UEFA Youth League

      Sarà un appuntamento storico, quello della nostra Primavera, domani, 20 febbraio, alle 13 italiane (14 ucraine) contro la Dinamo Kiev. I bianconeri, esattamente come 2 anni fa, quando giocarono il playoff ad Amsterdam contro l'Ajax, avranno la possibilità di accedere per la prima volta agli ottavi di finale di UEFA Youth League.

      Si gioca in gara secca, non è previsto match di ritorno.

      COSI' LE DUE SQUADRE IN UYL

      Il meccanismo di questi playoff è il seguente: le otto seconde nella fase a gironi incontrano altrettante squadre provenienti dal percorso "Campioni Nazionali". Le vincitrici di queste otto partite affronteranno, agli ottavi, le vincenti dei gironi.

      La Juventus si è piazzata seconda nel suo raggruppamento, dietro il Manchester United, già qualificato quindi agli ottavi di finale.

      La Dinamo, invece, accede al Playoff in virtù del percorso "Campioni Nazionali", avendo vinto il campionato Ucraino. Infatti, a questo percorso hanno partecipato i vincitori dei campionati nazionali giovanili delle 32 federazioni più in alto nel ranking secondo il coefficiente UEFA per federazione del 2017. La squadra avversaria della Juve ha vinto 3 partite e ne ha pareggiata una, segnando nove reti e subendone 3.

      Un precedente recente per la Dinamo contro una squadra italiana: si tratta dell'Inter, che nel 2017 ha vinto 3-0.

      IL TEATRO DELLA SFIDA

      Si gioca, come si diceva, alle 14 ucraine (le 13 italiane) allo stadio Dinamo, un impianto da quasi 17 mila posti, che spesso è stato sede delle partite della squadra locale, la Dinamo Kiev (la quale, però, è solita giocare anche allo Stadio Olimpico).

      Nel 2002, l'impianto (costruito negli anni '30) fu intitolato a Valerij Lobanovskyj, indimenticato calciatore e commissario tecnico, originario proprio di Kiev, scomparso il 13 maggio dello stesso anno all'età di 63 anni.

      LE PAROLE DI GIANLUCA PESSOTTO E MISTER BALDINI
      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK