Juventus
    Juventus
      17.05.2019 22:31 - in: Fan S

      J1897 DAY: una tradizione bianconera che si rinnova

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Sesta edizione dell’evento dedicato alla famiglia bianconera. In 250 J1897 Members da tutto il mondo hanno partecipato all’esclusiva cena con il Presidente Andrea Agnelli e Andrea Barzagli

      E’ molto più di una cena esclusiva con il Presidente Andrea Agnelli con ospiti speciali del calibro di Andrea Barzagli. Il J1897 Day è una tradizione che ogni anno si rinnova e si espande, così come la famiglia bianconera.

      250 J1897 Members arrivati da tutta Italia e da tutto il mondo (Svizzera, Slovacchia, Regno Unito, Austria, Romania, Lussemburgo, Germania ed Ecuador) hanno partecipato alla sesta edizione del J1897 Day, cenando nello splendido scenario del Club "Gianni e Umberto Agnelli" all'interno dell’Allianz Stadium. Una conferma dell’espansione globale della famiglia Juventus Membership, che non smette di crescere, come dimostra, tra l’altro, il raddoppio degli iscritti J1897 Member nella stagione in corso.

      Una cena nella quale non sono mancate le emozioni. La prima l'ha regalata il Presidente Andrea Agnelli che, dopo aver rimarcato il successo del progetto J1897, «lo scorso anno contava 10.000 Member affiliati, ora 21.000», ha dedicato un pensiero alla stagione ormai agli sgoccioli e uno sguardo al futuro: «Partire il 1° luglio e pensare che vincere lo scudetto sia un dato di fatto è bello, ma non è così, perché dietro ogni successo ci sono lavoro e sudore – ha sottolineato Agnelli – Il tratto distintivo del nostro club è sempre stato la capacità di innovare, di vedere il futuro prima degli altri. Da un lato, in qualità di Presidente dell'Eca, sono concentrato, insieme agli altri soggetti interessati, a ridisegnare il calcio del futuro. La Juventus d'altro canto deve avere la capacità di guardare avanti, consolidando al tempo stesso il proprio parco immobiliare e realtà come l'Under 23 e le Juventus Women, capaci queste ultime di vincere il secondo scudetto consecutivo nei loro due primi anni di vita. Si vive nell'oggi insomma, ma proiettati nel domani e dopodomani».

      Sul palco è salito l’altro ospite “speciale” della serata, Andrea Barzagli, che non ha nascosto la propria commozione nel ricordare i suoi anni in bianconero: «Il momento più significativo è stata forse l'inaugurazione dello stadio – ha ricordato il difensore – Lì ho capito cosa c'è davvero dietro a questo club. Ma anche il primo scudetto è stato speciale, così come l'ultimo, che segna la fine della mia carriera. Mi mancherà il lavoro quotidiano, gli scherzi, il preparare le partite, il soffrire e gioire insieme ai ragazzi. Sarà dura, ma ora inizia un nuovo percorso: il prossimo sarà un anno importante per capire che strada intraprendere, ma non mi vedo lontano dal calcio».

      Una volta salutati gli ospiti la serata è proseguita con una cena elegante, condita da tanto intrattenimento, spettacoli a sorpresa e regali. Una splendida festa, in cui ancora una volta è stato assoluto protagonista l'indissolubile legame della Juventus con i suoi tifosi.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK