Juventus
    Juventus
      03.03.2019 22:45 - in: Match Report S

      +16!!!

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Le reti di Pjanic e Emre Can nel primo tempo, il gol di Callejon e il rigore fallito da Insigne Koulibaly. Il San Paolo regala emozioni e un vantaggio ancora più ampio in classifica ai bianconeri

      Due gol e un uomo di vantaggio nel primo tempo non bastano alla Juve per vivere una serata tranquilla, del resto al San Paolo sarebbe assurdo crederlo possibile, ma sono sufficienti a dare un altro scossone alla classifica e al campionato. Quanto seminato dai bianconeri nella prima frazione di gara è comunque sufficiente per portare a casa i tre punti: nella ripresa viene ristabilita la parità degli uomini in campo, quando l'espulsione di Pjanic  pareggia quella di Meret, mentre sul tabellone il vantaggio bianconero si assottiglia ma non svanisce, perché dopo il gol di Callejon, Insigne fallisce il rigore del possibile pareggio. E la Juve vola così a 72 punti, più sedici sul Napoli. Se non è una sentenza, poco ci manca.

      ROSSO A MERET, PJANIC NON PERDONA

      La gara è subito intensa e l'unico momento di pausa è il 13' minuto, quando   ' tutto il San Paolo si ferma per ricordare Davide Astori, scomparso un anno fa. Per il resto è un continuo botta e risposta. Le difese riescono a contenere, ma solo fino al 26'. Fino a quando Ronaldo parte come un razzo e Meret è costretto ad atterrarlo al limite dell'area. È rosso per il portiere ed è punizione dal limite. Ed è sulla mattonella di Pjanic. Quest'anno la Juve ha sfruttato poco i calci piazzati, ma evidentemente aspettava il momento giusto: il destro di Pjanic è una delizia, che Ospina, appena entrato al posto di Milik, riesce solo a sfiorare.

      EMRE CAN INCORNA IL RADDOPPIO

      Il Napoli è una grande squadra e reagisce immediatamente con un'incursione di Zielinski, che centra il palo con un diagonale dal limite, ma con un uomo in più e con il punteggio dalla sua, la Juve può permettersi di lasciar sfogare gli avversari e aspettare il momento giusto per colpire ancora. Lo fa al 39', quando il traversone di Bernardeschi trova in area Emre Can, libero di incornare il raddoppio che certifica la superiorità dei bianconeri.

      FUORI PJANIC, CALLEJON RIAPRE I GIOCHI

      Appena iniziata la ripresa la parità numerica viene ristabilita, perché Pjanic, già ammonito nel primo tempo, rimedia un secondo giallo per un fallo di mano a centrocampo. Il Napoli a questo punto prende l'iniziativa e la Juve gliela concede, arretrando il baricentro e puntando solo sulle ripartenze di Ronaldo, troppo solo per impensierire gli avversari. E dopo un quarto d'ora con il pallone tra i piedi, i partenopei trovano il varco giusto, quando Insigne pesca l'inserimento di Callejon, che arriva sul pallone calciato verso l'area piccola con tempismo perfetto e riapre la partita.

      INSIGNE, RIGORE E PALO

      Adesso è un assedio. Il Napoli aumenta la pressione e le conclusioni o i cross verso la porta di Szczesny non si contano, quindi Allegri interviene e dopo De Sciglio al posto di Cancelo, richiama Mandzukic e manda in campo Bentancur. La Juve non riesce a scacciare gli avversari dalla propria metà campo e rischia tantissimo quando Rocchi, dopo aver consultato il VAR, concede il rigore per un presunto tocco con un braccio di Alex Sandro sul traversone di Ruiz. Sul dischetto si presenta Insigne, che però angola troppo e centra in pieno il palo. Il Napoli a questo punto si sgonfia e per quanto mantenga la pressione, non riesce più ad arrivare dalle parti di Szczesny. La Juve stringe i denti, rimane in controllo e chiude la partita. E, probabilmente, anche il campionato...

      NAPOLI- JUVENTUS 1-2

      RETI: Pjanic 28' pt , Emre Can 39' pt, Callejon 16' st

      NAPOLI
      Meret; Malcuit (1' st Mertens), Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Callejon (33' st Ounas), Allan, Fabiàn Ruiz, Zielinski; Insigne, Milik (27' pt Ospina)
      A disposizione: Karnezis, Silva Duarte, Ghoulam, Younes, Luperto, Chiriches, Diawara, Verdi

      Allenatore: Ancelotti

      JUVENTUS

      Szczesny; Cancelo (16' st De Sciglio), Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi (40' st Dybala), Mandzukic (28' st Bentancur), Ronaldo
      A disposizione: Perin, Pinsoglio, Caceres, Barzagli, Rugani, Spinazzola, Kean
      Allenatore: Allegri

      ARBITRO: Rocchi
      ASSISTENTI: Tonolini, Tegoni
      QUARTO UFFICIALE: Piccinini
      VAR: Irrati, Schenone

      AMMONITI: 34' pt Pjanic, 2' st Pjanic, 9' st Cancelo, 32' st Maksimovic, 38' st Alex Sandro, 41' st Koulibaly, 44' st Bentancur, 44' st Allan, 46' st Dybala
      ESPULSI: 26' pt Meret, 2' st Pjanic

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK